Tabella violazioni norme sulla privacy
 

 

 

 



Il Codice sanziona penalmente i comportamenti adottati in difformità dallo stesso, quali il trattamento illecito di dati personali, la omessa adozione delle misure di sicurezza, nonché l'omessa osservanza dei provvedimenti del Garante, la falsità nelle dichiarazioni al Garante.

Sono, inoltre, previste sanzioni amministrative nei casi di omessa o incompleta notificazione del trattamento al Garante, di inosservanza delle richieste del Garante o per l'omessa informativa ai soggetti interessati.  

 

 

 

 

 

 

Illeciti previsti dal D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, aggiornato alla legge 27 dicembre 2004, n. 306 *-*-*-*-*-*-*-*-* Illeciti previsti dal D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, aggiornato alla legge 27 dicembre 2004, n. 306 *-*-*-*-*-*-*-*-*

 

 

Preleva in formato.pdf

 

 

ILLECITO

SANZIONE AMMINISTRATIVA

SANZIONE PENALE

Omessa o inidonea informativa all’interessato

(Art. 161, D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196)

- da 3.000 a 18.000 euro per violazione dei dati ex art. 13;

- da 3.000 a 18.000 euro per violazione dei dati sensibili o giudiziari,

 - da 5.000 a 30.000 e fino al triplo  se risulta inefficace per le condizioni economiche del contravventore

 

Altre fattispecie:
[violazione art. 16, 1° comma lett. B) o di altre disposizioni in materia di disciplina del trattamento dei dati personali ];

(Art. 162, D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196)

- da 5.000 a 30.000 euro

 

Altre fattispecie [violazione art. 84 1° comma]

(Art. 162, D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196)

- da 5.000 a 3.000 euro

 

Omessa o incompleta notificazione

 (Art. 163, D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196)

- da 10.000 a 60.000 euro

  Sanzione accessoria:

pubblicazione ordinanza - ingiunzione

 

Omessa informazione o esibizione al Garante

(Art. 164, D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196)

- da 4.000 a 24.000 euro

 

Trattamento illecito di dati

(Art. 167, D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196)

 

- Reclusione da 6 a 18 mesi (se dal fatto deriva nocumento);

- Reclusione da 6 a 24 mesi (se il fatto consiste nella comunicazione e/o diffusione).

- Reclusione da 1 a 3 anni (se il fatto costituisce reato più grave: al fine di trarre profitto per se o altri o per arrecare danno).

 Falsità nelle dichiarazioni e notificazioni al Garante

(Art. 168, D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196)

 

- Reclusione da 6 mesi a 3 anni.

Inadeguatezza delle Misure minime di sicurezza

(Art. 169, D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196)

 

- Reclusione fino a 2 anni

o ammenda

- da 10.000 a 50.000 euro

 Inosservanza di provvedimenti del Garante

(Art. 170, D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196)

 

- Reclusione da 3 mesi a 2 anni.

 

 

 

 

 

Accessi a questa pagina:

 Hit Counter